????

La Giuria

Gloria Venturini

Vive con la famiglia a Lendinara. Ha conseguito la Maturità Magistrale ed ama molto leggere e scrivere, in particolar modo adora imprimere sulla carta storie di vita vissute, storie di fantasie del cuore, storie di anima. Lavora come impiegata in un ufficio tecnico, ma alla sera, dopo le varie vicissitudini di ogni giorno, raggiunge la terra del libro, il mondo dei sogni e scrive. Gloria è ideatrice e Presidente della Giuria del concorso internazionale di poesia e prosa, "L'Arcobaleno della Vita" della Città di Lendinara. Vincitrice di numerosi Premi nazionali ed internazionali, tra gli ultimi citiamo il 1° Premio Città di Racconigi 2007 con 5 haiku, il 1° Premio al Giulio Astolfi di Pignola 2007, il 1° premio Città di Forlì 2007, il 1° Premio Immagine e poesia di Cuneo, il 2° Premio Valeria di Rieti, il 2° Premio Concorso Internazionale ALIAS di Melburne. Ha pubblicato libri di poesia e racconti, quali Camminando tra i giardini dell’anima, L’arcobaleno della vita, Ai bordi della vita, Coriandoli di ricordi, Rivoli di donna, Ti seguirò nel vento, inoltre è curatrice dell’antologia poetica Parole tra le pagine edita a novembre 2007 dalla Albus Edizioni di Napoli.

Davide Dal Maso

Nato a Lendinara nel 1977. Laureato in Lettere presso l’Università degli Studi di Ferrara con una tesi sulle figure foniche nella poesia di Ungaretti. Ideatore e realizzatore del logo, dell'Antologia e del sito web del premio letterario "L'Arcobaleno della Vita - Città di Lendinara". Ha ottenuto diversi riconoscimenti in concorsi letterari, tra cui: 3° classificato alla IX edizione del Premio Nazionale Città di Rovigo (1998), finalista alla prima edizione (1998) e segnalato alla seconda edizione (2000) del Premio Nazionale di Poesia "Poetando Insieme" di Recoaro Terme (VI), Menzione Speciale della Giuria alla prima (2002) e alla terza (2004) edizione del Premio di Poesia "FITeL Nazionale" di Roma, finalista al Premio "Sotterranea Poesia 2004" di San Benedetto del Tronto (AP). Per alcuni anni è stato corrispondente per il mensile "La Piazza". È impiegato tecnico presso un laboratorio chimico. Ha ultimato un corso di perfezionamento per Tecnico Competente in Acustica presso l'Università di Ferrara. Tra i suoi interessi ci sono l’informatica, l’ecologia, il trekking e la musica.

Paolo Santato

Diplomato, accanito lettore (oltre seimila libri letti). Ha ottenuto diversi riconoscimenti in concorsi letterari, tra cui: il premio "Arrigo Vanzelli" al concorso il "Cosmo d’Oro" di Canaro nel 2006, 2° premio a Guspini, premio speciale al "San Giacomo" di Ferrara, numerose menzioni d’onore e segnalazioni di merito. Le sue opere sono pubblicate in diverse antologie, ha scritto alcune recensioni e prefazioni, inoltre ha pubblicato un libro intitolato Uno squarcio nella nebbia, dedicato alla sua famiglia, come primo premio assegnatogli dai Nuovi Poeti di Trezzo sull’Adda.

Antonio Villa

Antonio Villa è nato e vive a Formia; è laureato in lingue, ha pubblicato libretti di versi, racconti e saggi letterari. È inserito in alcune antologie, avendo riportato premi e riconoscimenti vari.

Mara Penso

Ex-insegnante, nata a Venezia. È vicepresidente del Gruppo Poesia Comunità di Mestre, fa parte dell’Associazione Culturale Poesia Venezia e dell’Associazione “Amici dell’Umbria”. È membro di giuria di due Concorsi letterari. Nel 2001 ha pubblicato il libro di poesie Riverberi di luce e, nel 2004, Particelle di solitudine, entrambi per Oceano Edizioni, Sanremo. Nel 2008 ha scritto, in contemporanea, i due libri di poesia inediti Nell’oblio del tempo e Nell’oblio dell’amore. Del 2009 è invece il libro di poesia inedito autoprodotto Poesie del cimitero. Attualmente sta preparando un libretto di poesie haiku dal titolo Haiku. Ha partecipato a numerosi concorsi di poesia e narrativa ottenendo molti premi. Alcune sue poesie e racconti sono presenti in antologie.

Giovanni Gentile

Giovanni Gentile è nato a Nettuno il 29 Aprile del 1965, dove vive con la moglie e i suoi due figli. È un dipendente commerciale e la sua passione più grande è la famiglia, proprio quando perse suo padre nel 1999 diventava padre lui, e diede a suo figlio lo stesso nome del Padre Alberto. Nelle sue poesie denuda la sua anima in versi semplici ma molto profondi, quell’attaccamento ai valori più veri che la vita possiede intrecciano il suo donarsi in versi. La poetica di Giovanni traccia il sentiero della vita, percorrendo le strade del vissuto con un’intensità di animo che investe il lettore nella più acuta forma di sentimento. Un quotidiano che Giovanni sgrana come chicchi di grano nella più significativa visione, travasando quel sentire d’uomo nella parola più semplice ed efficace. Nella sua poetica possiamo assistere alla veridicità dei sentimenti, quel suo attaccamento ai valori che segnano un legame forte con le sue radici, quel gesto innato d’osservare e riflettere sugli eventi, essendone partecipe come uomo e intarsiare questo bagaglio emozionale fino a partorire poesia, cucita ai fili dell’esistere con profonde riflessioni sociali, permettendo a chi si sofferma a leggere i suoi versi partecipazione e meditazione. Giovanni ha conseguito i seguenti riconoscimenti per le sue opere letterarie: Me raccontava mi padre prima classificata III premio Laurentum on line 2009 sezione vernacolo; Presenza terza classificata III premio Laurentum on line 2009 sezione italiano; 11 anni terza classificata concorso internazionale Pantarei 2010; Volevo andare finalista premio Vivarium, menzione d’onore; Vorrei onda rinascere finalista premiata concorso Speciale Donna 2010; Amici finalista premiata concorso Speciale Infanzia 2010. Inoltre Giovanni ha recentemente pubblicato il suo primo libro: Guarda con i miei occhi, raccolta poetica edita da Il Rovescio Editore.

Giacomo Soldà